Funzioni locali, firmato il contratto: riguarda 430mila dipendenti, dai Comuni alle Regioni

Immagine di copertina di: Funzioni locali, firmato il contratto: riguarda 430mila dipendenti, dai Comuni alle Regioni

L’aumento retributivo medio è complessivamente di 118 euro al mese per tredici mensilità. Gli arretrati sono, in media, circa 1.700 euro, da un minimo di 1.210 euro a un massimo di 2.250 euro


Via libera al Contratto collettivo nazionale delle Funzioni locali, che riguarda 430mila dipendenti di Comuni, Province, Regioni e Camere di commercio. La firma dell’Aran, l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni, e i sindacati è arrivata oggi. L’aumento retributivo medio è complessivamente di 118 euro al mese per tredici mensilità. Gli arretrati sono, in media, circa 1.700 euro, da un minimo di 1.210 euro a un massimo di 2.250 euro.

Il Segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro. “Siamo soddisfatti di quanto abbiamo ottenuto. Un’intesa, figlia di un lungo negoziato ed un forte impegno di Csa Cisal profuso per lo stanziamento di risorse aggiuntive, che afferma e valorizza il ruolo di chi opera quotidianamente al servizio del cittadino e sarà sempre più fondamentale per la realizzazione dei progetti del Pnrr. Un rinnovo che da risposta sia in termini professionali che salariali alle lavoratrici ed i lavoratori ed introduce importanti novità per l’organizzazione degli enti e la gestione del personale”.

Il Segretario Generale del Csa Cisal, Francesco Garofalo. “Personalmente, non posso che ribadire la mia soddisfazione. Ci troviamo di fronte a un contratto innovativo, che darà a tutte le tipologie di lavoratori una valorizzazione a livello professionale e maggiori tutele sul piano del rapporto di lavoro. Raggiunto questo ulteriore importante traguardo, non intendiamo fermarci. Abbiamo già messo in moto i nostri Dipartimenti per analizzare approfonditamente il testo del nuovo contratto al fine di elaborare ulteriori proposte migliorative che saranno inserite nella futura piattaforma”.

Cosa prevede il contratto delle Funzioni locali. Nello specifico, come illustrato dall’Aran, nel contratto funzioni locali è stata prevista una rivisitazione del sistema degli incarichi di posizione organizzativa e di elevata qualificazione, aumentandone la rilevanza. È stato delineato, inoltre, un nuovo regime delle progressioni economiche orizzontali prevedendo “differenziali stipendiali” da intendersi come incrementi stabili del trattamento economico, finalizzati a remunerare il maggior grado di competenza professionale progressivamente acquisito dai dipendenti, nello svolgimento delle attribuzioni proprie dell’area di classificazione. È stata individuata una soluzione classificatoria per il personale della sezione educativa e scolastica, e ulteriormente specificata la disciplina della sezione della Polizia locale, rivedendo il regime di alcune indennità. Introdotta, poi, un’importante novità relativa alla disciplina del giorno festivo infrasettimanale per il personale turnista. Istituita, inoltre, una nuova sezione per le professioni ordinistiche nella quale viene ricompreso il personale le cui mansioni richiedono obbligatoriamente l’iscrizione a ordini professionali.

Dalle relazioni sindacali al lavoro a distanza: le novità introdotte. Anche il sistema delle relazioni sindacali ha visto un’importante revisione nella prospettiva di un ampliamento del rilievo dei moduli partecipativi dell’informazione e del confronto e con la valorizzazione dell’Organismo paritetico per l’innovazione. Il Ccnl ha operato anche modifiche sostanziali ad alcuni istituti del rapporto di lavoro, ricercando un equilibrato rapporto tra l’estensione dei diritti dei lavoratori e la salvaguardia delle esigenze organizzative e funzionali degli enti. Rilievo assume, infine, la nuova disciplina del lavoro a distanza nelle due tipologie di lavoro agile, previsto dalla legge 81/2017, e lavoro da remoto, che sostituiscono la precedente tipologia del telelavoro. 

Il ministro della Pubblica Amministrazione, Paolo Zangrillo. “Il confronto costruttivo tra Aran e sindacati, che ringrazio, ci permette di tagliare un altro significativo traguardo nel percorso di rilancio dei rinnovi contrattuali. Si tratta della conferma della centralità nell’agenda del governo del tema del lavoro pubblico. Dopo il contratto della sanità e quello della scuola, diamo un altro segnale di attenzione a dei lavoratori cruciali per lo sviluppo del Paese perché, con competenza e impegno, garantiscono il funzionamento degli enti territoriali più vicini ai cittadini”.

Il presidente Aran, Antonio Naddeo. “Sono molto soddisfattoper la firma di un contratto così importante. Una trattativa lunga, ma che ha portato a un risultato importante per l’intera categoria e per gli enti che hanno visto riconosciute le loro specificità organizzative e gestionali”.

Immagine di copertina di: Funzioni locali, firmato il contratto: riguarda 430mila dipendenti, dai Comuni alle Regioni

L’aumento retributivo medio è complessivamente di 118 euro al mese per tredici mensilità. Gli arretrati sono, in media, circa 1.700 euro, da un minimo di 1.210 euro a un massimo di 2.250 euro


Via libera al Contratto collettivo nazionale delle Funzioni locali, che riguarda 430mila dipendenti di Comuni, Province, Regioni e Camere di commercio. La firma dell’Aran, l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni, e i sindacati è arrivata oggi. L’aumento retributivo medio è complessivamente di 118 euro al mese per tredici mensilità. Gli arretrati sono, in media, circa 1.700 euro, da un minimo di 1.210 euro a un massimo di 2.250 euro.

Il Segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro. “Siamo soddisfatti di quanto abbiamo ottenuto. Un’intesa, figlia di un lungo negoziato ed un forte impegno di Csa Cisal profuso per lo stanziamento di risorse aggiuntive, che afferma e valorizza il ruolo di chi opera quotidianamente al servizio del cittadino e sarà sempre più fondamentale per la realizzazione dei progetti del Pnrr. Un rinnovo che da risposta sia in termini professionali che salariali alle lavoratrici ed i lavoratori ed introduce importanti novità per l’organizzazione degli enti e la gestione del personale”.

Il Segretario Generale del Csa Cisal, Francesco Garofalo. “Personalmente, non posso che ribadire la mia soddisfazione. Ci troviamo di fronte a un contratto innovativo, che darà a tutte le tipologie di lavoratori una valorizzazione a livello professionale e maggiori tutele sul piano del rapporto di lavoro. Raggiunto questo ulteriore importante traguardo, non intendiamo fermarci. Abbiamo già messo in moto i nostri Dipartimenti per analizzare approfonditamente il testo del nuovo contratto al fine di elaborare ulteriori proposte migliorative che saranno inserite nella futura piattaforma”.

Cosa prevede il contratto delle Funzioni locali. Nello specifico, come illustrato dall’Aran, nel contratto funzioni locali è stata prevista una rivisitazione del sistema degli incarichi di posizione organizzativa e di elevata qualificazione, aumentandone la rilevanza. È stato delineato, inoltre, un nuovo regime delle progressioni economiche orizzontali prevedendo “differenziali stipendiali” da intendersi come incrementi stabili del trattamento economico, finalizzati a remunerare il maggior grado di competenza professionale progressivamente acquisito dai dipendenti, nello svolgimento delle attribuzioni proprie dell’area di classificazione. È stata individuata una soluzione classificatoria per il personale della sezione educativa e scolastica, e ulteriormente specificata la disciplina della sezione della Polizia locale, rivedendo il regime di alcune indennità. Introdotta, poi, un’importante novità relativa alla disciplina del giorno festivo infrasettimanale per il personale turnista. Istituita, inoltre, una nuova sezione per le professioni ordinistiche nella quale viene ricompreso il personale le cui mansioni richiedono obbligatoriamente l’iscrizione a ordini professionali.

Dalle relazioni sindacali al lavoro a distanza: le novità introdotte. Anche il sistema delle relazioni sindacali ha visto un’importante revisione nella prospettiva di un ampliamento del rilievo dei moduli partecipativi dell’informazione e del confronto e con la valorizzazione dell’Organismo paritetico per l’innovazione. Il Ccnl ha operato anche modifiche sostanziali ad alcuni istituti del rapporto di lavoro, ricercando un equilibrato rapporto tra l’estensione dei diritti dei lavoratori e la salvaguardia delle esigenze organizzative e funzionali degli enti. Rilievo assume, infine, la nuova disciplina del lavoro a distanza nelle due tipologie di lavoro agile, previsto dalla legge 81/2017, e lavoro da remoto, che sostituiscono la precedente tipologia del telelavoro. 

Il ministro della Pubblica Amministrazione, Paolo Zangrillo. “Il confronto costruttivo tra Aran e sindacati, che ringrazio, ci permette di tagliare un altro significativo traguardo nel percorso di rilancio dei rinnovi contrattuali. Si tratta della conferma della centralità nell’agenda del governo del tema del lavoro pubblico. Dopo il contratto della sanità e quello della scuola, diamo un altro segnale di attenzione a dei lavoratori cruciali per lo sviluppo del Paese perché, con competenza e impegno, garantiscono il funzionamento degli enti territoriali più vicini ai cittadini”.

Il presidente Aran, Antonio Naddeo. “Sono molto soddisfattoper la firma di un contratto così importante. Una trattativa lunga, ma che ha portato a un risultato importante per l’intera categoria e per gli enti che hanno visto riconosciute le loro specificità organizzative e gestionali”.